header i-Italy

Articles by: Gennaro Matino

  • Arriva Natale e puntuale la polemica: nessuna recita nelle scuole, nessun rimando al sacro testo nelle laiche mura. Niente di più sbagliato, niente di più lontano dalla laicità di una scuola che, con il pretesto di garantire il rispetto dei diversi, offende la dignità, non della religione, ma della cultura. L’ultima arriverebbe da Terni dove la dirigente scolastica dell’Istituto Anita Garibaldi avrebbe cancellato una recita dei bambini sulla natività.
  • Il sogno di Lennon, fatto in " Imagine", diventa realtà. Ne possiamo essere contenti? In Europa, le nostre città ormai da tempo hanno potuto rendersi conto di una avanzata di nuovo paganesimo nei loro stessi territori. Non si tratta solo di chi ha dimenticato o trascurato la propria fede, ma di una vita ispirata a una visione del mondo completamente riscritta che di credente in Dio non ha nulla.
  • In settimana nel cortile della chiesa un allegro gruppetto di ragazzini giocava e schiamazzava, tutti mascherati, felici del "curioso" giorno di festa. Tutti ma non tutti. Una bimbetta se ne stava sola, triste triste, seduta sulla panchina. Mi sono avvicinato: " E tu? Niente maschera? " . " Mamma ha detto che non si può fare, Gesù si dispiace " . " E chi glielo ha detto? " .
  • Se il sistema del microcredito funziona nei villaggi più poveri del mondo, può e deve poter funzionare in tutti i paesi in cui la crisi economica e lo spettro della disoccupazione stanno spazzando via l'illusione del benessere a ogni costo. Vorrei che lo sforzo dei governanti di " abolire la povertà" davvero potesse inseguire visioni di liberazione piuttosto che tentazioni di propaganda.
  • Non mi fanno paura le marionette al governo, temo chi ne muove i fili, chi con lucida follia, nascosto nelle tenebre, vuole portare non solo fuori dall’Europa, non solo fuori dall’euro ma fuori dal mondo libero il nostro Paese.
  • Questa è la settimana di San Francesco. Dopo vent’anni la Campania sarà ad Assisi il 3-4 ottobre, a nome delle regioni d’Italia, per riaccendere la lampada votiva che sarà alimentata dall’olio “delle vostre mani, delle vostre fatiche, delle vostre terre, da quella Terra dei Fuochi, da quelle terre che subiscono la ferita dell’uomo”. Oltre 200 sindaci arriveranno nella città umbra, circa 10 mila pellegrini da ogni parte della Campania.
  • Napoli aspetta più volte l'anno il prodigio del sangue e questo la rende tra le città del mondo più religiose, forte di una fede popolare difficile da rintracciare altrove. Tuttavia, l'attesa del prodigio fa parte della sua stessa struttura psicologica, il suo essere città dell'attesa e non della concretezza, sempre in bilico tra la speranza ottimistica e il fatalismo. Una condizione che spegne sul nascere progetti a lungo termine che avrebbero bisogno di coraggio e di un paziente lavoro di verifica costante tra l'annuncio del possibile traguardo e la strada faticosa da intraprendere.
  • Poche ancora sono le donne che accusano presso l'autorità competente, poche quelle che riescono a farlo soprattutto per quella violenza subita tra le mura di casa costrette al silenzio per mantenere il buon nome della famiglia

Pages